Blogia
ApPuNtO

Nyekundu

Nyekundu

Trotterellando verso limiti ignoti e sconfinati, girovagando verso spiagge rassicuranti ed oceani brulicanti di vita, ascoltando il rumore del mare e l’infinito silenzio delle stelle, mi raggomitolo nel focolare familiare sapendo che e´gia´tempo di nuovi orizzonti da scoprire. Burocratiche paranoie e insoddisfazioni croniche mi spingono a silenziare la struttura ingarbugliata delle molecole che provocano vita ed a far tacere il ripetuto fischio che imperterrito disturba. Paesi, sorrisi, terre, persone, colori, musiche, profumi, deliri alcolici, perdite, lacune, giostre di nidi lontani si rincorrono tacitamente dentro fino a far sfiorare un pensiero. Quello del ritorno. Quello della malinconia. Quello della nostalgia. Eppure non ho ancora preso il volo.

 

...

 

..quell’odore di terra bagnata dopo una pioggia improvvisa. Quello stesso odore mi ricorda casa. Terra rossa. Mare e oceano troppo lontani. Eppure ogni cosa ha le sue ragioni, questo perche’ e’ bello da scoprire. Culture differenti e quasi incomprensibili mi parlano di radici. Orizzonti sconfinati e alberi sotto la cui chioma riposerei notti intere, sguardi che parlano e sorrisi che rincuorano, solitudini non vane e desiderio di imparare ogni giorno di piu´. E quell´odore che preannuncia una pioggia improvvisa. Ti entra dentro e non ti lascia piu’.Syombua.

2 comentarios

lisa -

ti leggo e ti penso.
e ti mando una mimosa...gialla e profumata come il sole del kenya che t'illumina.
A presto, donna dalle mille sorprese.

Maila -

Piccola pioggia mia... Grazie per la tua missiva, grazie per le tue preziose parole che mi fanno venire lontano... Sei una roccia, come solo loro e le Donne come te sanno essere. Ti abbraccio forte a me, cara Syombua di emozioni.